“Amazon
Conosci La Classificazione Delle Voci?
5 (100%) 10 votes

La voce è il più importante strumento di comunicazione dell’uomo e anche il primo strumento musicale a nostra disposizione. Quindi è importante rendere universale la classificazione delle voci.

Una voce è naturale quando non è stata educata con una tecnica particolare. E’ la voce che usiamo quotidianamente per parlare e, talvolta, anche per cantare liberamente fra amici (speech).

Una voce impostata è invece una voce che ha imparato il modo corretto di produrre il suono. Questo presuppone lo studio delle tecniche di emissione del suono. Il risultato è di ottenere una qualità sonora migliore sia dal punto di vista timbrico che del volume e della potenza sonora.

La tecnica permette di possedere la completa coscienza e consapevolezza dei meccanismi che consentono di emettere suoni ricchi di armonici, corposi, filati, squillanti o caldi, morbidi o penetranti. Il cantante deve essere in grado di giungere ad un controllo cosciente del lavoro muscolare connesso all’emissione sonora, sviluppando così una vera padronanza e sicurezza nell’espressione delle qualità vocali.

Obiettivo della tecnica

L’obiettivo principale della tecnica è quello di rendere il performer consapevole del proprio potenziale e dei propri limiti. E’ capace di ridurre sia i rischi sia la paura, dettata dall’incertezza propria della mancanza di una buona padronanza della fisiologia del suo apparato vocale.

Leggi Anche:  Quando Invecchiare diventa un business: Mina Celentano

Ti piace la lirica? Ti è mai capitato di vedere un’opera a teatro? Quante volte hai sentito parlare, nell’ambito di una qualche manifestazione di lirica, di soprano, tenore, basso, o mezzosoprano.

Cosa pensi che si celi dietro la bella voce di un cantante lirico e come si classificano le voci maschili e femminili? Che sia intonato o no, ti farà senz’altro piacere conoscere più da vicino questo “strumento”.

Le voci si dividono in tre gruppi: gruppo femminile; gruppo maschile; e voci bianche.

Gruppo femminile

Tra le voci femminili abbiamo questi registri vocali: il soprano, il mezzosoprano, il contralto ed il falcon. La voce acuta si chiama soprano, la voce media mezzosoprano e la voce grave contralto.

“Visita

Il Soprano è una voce molto comune, è la più acuta delle voci femminili e può essere: leggero, con un timbro molto brillante e di notevole agilità vocale; lirico, meno agile e brillante del soprano leggero; drammatico, con una maggiore potenza sonora, ma una minore estensione nelle note acute. Un esempio è Maria Callas. La sua voce poteva ricoprire tutti i ruoli. Infatti interpretava i ruoli di soprano, mezzosoprano, soprano leggero e soprano lirico. Mentre il contralto ed il falcon sono voci molto rare perché hanno suoni molto scuri, che scendono parecchio al di sotto del pentagramma, però hanno anche la caratteristica di andare nei suoni alti così come un soprano, anche se non con una grande estensione.

Maria Callas, la cui voce poteva ricoprire tutti i ruoli.
Maria Callas, la cui voce poteva ricoprire tutti i ruoli.Gruppo maschile

Gruppo maschile

Tra le voci maschili abbiamo: il tenore, il baritono ed il basso. La voce acuta si chiama tenore, la voce media baritono e la voce grave basso. Il tenore è la più acuta delle voci maschili e, a seconda dell’agilità, dell’estensione e della potenza sonora, può essere leggero, lirico o  drammatico. Il basso è la  voce più grave tra quelle maschili.

Voci bianche

Sono le voci di bambini e ragazzi fino all’età in cui inizia la cosiddetta muta vocale, che si verifica all’incirca tra i tredici e i quindici anni. In questo periodo inizia un lento cambiamento della voce che da bianca, cioè infantile, si sposta progressivamente sul registro più grave, tipico della voce adulta.

Leggi Anche:  Quando ti definiscono un’ugola d’oro!

Conclusione

Molti pensano che cantare sia solo una questione di gola.  Tuttavia si può giustamente dire che tutto il corpo canta, nel senso che c’è un coinvolgimento globale delle energie della persona.

La diversificazione delle voci è data dal colore o timbro. Ogni voce ha un suo colore ed è unico ed irripetibile. Ci sono i colori scuri ed i colori chiari. L’altezza o estensione (dalla nota più bassa a quella più alta) dei suoni è un’altra cosa, e si può ricavare studiando.

Forse in futuro ti capiterà di ascoltare un soprano che intona una celebre aria. Fermati con attenzione ad ascoltare e soffermati al pensiero di quanta tecnica e di quanta disciplina ci sono dietro quella bella voce.

Isabella Granno'

FAI SENTIRE LA TUA VOCE!

Cosa ne pensi di questo Articolo? Hai un tuo pensiero in merito? Condividi quanto è stato detto oppure la pensi diversamente?
Fai conoscere agli altri il tuo parere. Inserisci il tuo commento qui sotto!
Iscriviti al mio canale Youtube
Aspetta! Non Correre! C'è altro da leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *