“Amazon
Conosci la musica del silenzio?
4.8 (96.67%) 12 votes

Puoi immaginarti di suonare senza produrre suono? Hai mai pensato alla musica come un contenitore privo di musica? Conosci la musica del silenzio?

Non sto impazzendo, ma è semplicemente una provocazione che vorrei proporti.

Sei abituato a una musica che ti avvolge, che riempie la stanza e penetra in te con note decise e lievi, in un’alternanza di crescendo che emoziona.

In breve, sei abituato alla pienezza del suono.

IL SILENZIO COME PARTE INTEGRANTE DELLA PERFORMANCE

Nel 1941, nel teatro di Broadway in New York, il pubblico ha assistito ad uno dei concerti più insoliti che la città avesse mai ospitato.

A condurre l’orchestra Raymond Scott, meglio conosciuto come il compositore delle colonne sonore di Bugs Bunny, Looney Tunes e altri cartoni Warner Bros.

Preparò un concerto strumentale senza precedenti, i cui unici suoni erano dati dal fruscio della batteria e dai “pizzichi” del contrabbasso.

L’intento di Scott di produrre “musica del silenzio” non fu accolto favorevolmente dai critici del Time e il suo messaggio era stato disatteso.

Leggi Anche:  Avete Mai Provato L'"Orgasmo Della Pelle" Quando Ascoltate La Musica?
Il silenzio diventa parte integrante della performance e la musica è data dai suoni prodotti dai corpi e dall’ambiente.
Il silenzio diventa parte integrante della performance e la musica è data dai suoni prodotti dai corpi e dall’ambiente.

Undici anni più tardi un compositore d’avanguardia, John Cage, seguì la medesima strada proponendo una delle sue opere più famose, 4’33”.

“Visita

Nessuno strumento è suonato con l’intenzione di produrre una melodia.

E’ il silenzio che diventa parte integrante della performance e la musica è data dai suoni prodotti dai corpi e dall’ambiente.

4’33” fu il risultato di un esperimento che Cage condusse all’università di Harvard.

Rimase dentro una stanza insonorizzata per “ascoltare musica del silenzio”.

Ciò che sentì, invece, furono i suoni del suo corpo (il battito del cuore, il respiro, il flusso del sangue) e percepì l’inesistenza del silenzio assoluto.

Leggi Anche:  Quando Invecchiare diventa un business: Mina Celentano
Ciò che senti sono i suoni del tuo corpo (il battito del cuore, il respiro, il flusso del sangue) e percepisci l’inesistenza del silenzio assoluto.
Ciò che senti sono i suoni del tuo corpo (il battito del cuore, il respiro, il flusso del sangue) e percepisci l’inesistenza del silenzio assoluto.

Conclusione

Da allora la “musica del silenzio” è entrata a far parte, più o meno assiduamente, delle opere. Dei musicisti come John Lennon, Yoko Ono, e perfino del gruppo hip-hop Slum Village. Ma è stata anche usata come ironica provocazione.

Marcel Marceau introdusse in un disco due tracce da 19 minuti contenenti solo applausi. Oppure come dichiarazione politica.

Quest’ultimo è il caso del vinile The Wit & Wisdom of Ronald Reagan, rilasciato dalla Stiff Records, del tutto privo di musica, ma pieno di “groove”.

La provocazione è stata accolta con entusiasmo dal pubblico, dato che il disco ha venuto oltre 30 mila copie.

Leggi Anche:  Andiamo A Comandare - Una Canzone Che Fa Sprofondare!

Più filosofia che teatro, più introspezione che spettacolo, ci sono mondi che la musica può ancora esplorare e per rimettersi a suonare può anche fare silenzio!

“Fai

Isabella Granno'

FAI SENTIRE LA TUA VOCE!

Cosa ne pensi di questo Articolo? Hai un tuo pensiero in merito? Condividi quanto è stato detto oppure la pensi diversamente?
Fai conoscere agli altri il tuo parere. Inserisci il tuo commento qui sotto!
Iscriviti al mio canale Youtube
Aspetta! Non Correre! C'è altro da leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *