“Amazon
  • 117
    Shares

Esiste Ancora La Gavetta?
5 (100%) 4 votes

L’artista è tale quando tira fuori il suo genio da situazioni intricate e problematiche che non si aspetta, classici inconvenienti non calcolabili e non preventivati. Se non fosse così, i nodi vengono al pettine e ci si rende conto che bisogna cambiare strada. Esiste ancora la gavetta?

Oggi vediamo molti fenomeni che emergono senza aver scelto la strada più tortuosa, la chiamo gavetta piena di sassi e buche.

A volte si cade, altre feriscono, ma imparare ad ammirare il panorama frutto di tanta esperienza non può essere soppiantato dal successo a tutti i costi!

Di solito quando mi riferisco a chi è partito dal basso per affermarsi nel mondo musicale, dico “viene dalla gavetta”.

Esprimo con questa espressione il fatto che qualcuno abbia raggiunto una posizione, in qualche modo, importante. Ma importante perché, per cosa?

Per il potere che hai acquisito, o la notorietà, o i soldi che hai fatto? Quando dico che qualcuno viene dalla gavetta, senza volerlo affermo che uno ce l’ha fatta. Significa che uno su cui non avrei scommesso due monete, perché nato in periferia, ai margini della società e destinato a restare lì, è riuscito a emergere.

Raggiungere gli obiettivi per meriti propri, per caparbietà, per talento, per fortuna è il cammino della gavetta.
Raggiungere gli obiettivi per meriti propri, per caparbietà, per talento, per fortuna è il cammino della gavetta.

Raggiungere gli obiettivi per meriti propri, per caparbietà, per talento, per fortuna è il cammino della gavetta. Farcela da soli, con pochi aiuti, perché provenienti dalla provincia, dalla periferia, dal sud, da una famiglia proletaria o piccolo-borghese.

Leggi Anche:  Credete Ancora Alla Favola Del Successo Venuto Dal Nulla?

Il bello della gavetta è credere nel proprio cammino costellato di dolcezza, amicizia, complicità, paure, irrequietezza e vulnerabilità.

Cosa significa fare la gavetta

Fare la gavetta significa impegnarsi a prepararti nella tecnica dello strumento, della musica. Studiare le tecniche di canto e capire quale sia il genere più consono alla tua personalità. Conoscerti attraverso l’aiuto di docenti competenti disposti ad aiutare il talento. A condividere la tua ricchezza semplicemente per alimentare la tua passione.

“Visita

Fare la gavetta significa prepararti ad intraprendere una nuova impresa. studia, lavora, impegnati, fatti letteralmente il culo per fare in modo che la tua gavetta brilli all’inverosimile. Come la Via Lattea.

Partire dalla gavetta, insomma, sudare e lavorare per farsi strada. Far emergere il talento artistico piuttosto che crearti il personaggio.
Partire dalla gavetta, insomma, sudare e lavorare per farsi strada. Far emergere il talento artistico piuttosto che crearti il personaggio.

Avrai solo e soltanto quella gavetta, non gradi nuovi da apporre alle spalline, non medaglie, una e una sola gavetta, e prima o poi perderai anche quella. Resterai in trincea, ci resterai di notte, e se luciderai a modo la tua gavetta avrai luce, per te e per i tuoi compagni.

Leggi Anche:  E' Così Facile Comporre Una Melodia Di Successo?

Partire dalla gavetta, insomma, sudare e lavorare per farsi strada. Far emergere il talento artistico piuttosto che crearti il personaggio.

Perché oggi nessuno vuole fare gavetta?

Oggi esistono i reality, i talent show. Sono un grande trampolino di lancio ma se non hai talento, se non credi in te stesso e non hai fortuna non vai da nessuna parte.

Non sono una scorciatoia per il successo. Anzi, possono essere pericolose per chi vuole entrare nel mondo dello spettacolo.

Questi show impediscono spesso una carriera perché ti danno popolarità televisiva. Poi nel mondo della musica sei poco considerato.

Nonostante il successo di Sanremo di Marco Carta e Giusy Ferreri vengono ormai considerati dai giovani delle meteore che non riusciranno a catturare a lungo l’attenzione del pubblico.

Impara a raggiungere i tuoi traguardi, poco alla volta, in modo da allenarti psicologicamente ai cambiamenti.
Impara a raggiungere i tuoi traguardi, poco alla volta, in modo da allenarti psicologicamente ai cambiamenti.

Questi programmi televisivi sono importanti in termini di visibilità, ma sarebbe opportuno che ci fossero anni di preparazione e studio alle spalle prima di entrare in questi meccanismi.

Conclusione

Per sfondare nel mondo dello spettacolo, ti consiglio un percorso professionale più graduato. Impara a raggiungere i tuoi traguardi, poco alla volta, in modo da allenarti psicologicamente ai cambiamenti.

Riuscire a pubblicare con una casa editrice di larga diffusione, o vincere un premio importante e conquistato la stima di una parte o di molti addetti del settore è il frutto di un percorso di lavoro che non ha tempo.

“Fai
Leggi Anche:  Quanto Vi Piacciono I Talent?

Possono trascorrere anni e nessuno ti potrà risarcire i sacrifici.

Puoi girare l’Italia, spesso di fronte ad un pubblico minimale. Avrai la  sensazione di fare qualcosa che non interessasse a nessuno.

Forse la domanda da porti è questa: da cosa vuoi essere ripagato?

Pensa a quando eri felice di trascorrere ore su treni improbabili per suonare di fronte a dieci persone. Nessuno ti obbligava a farlo. Così come scrivere musica e testi senza avere un editore. Non puoi farne a meno. Anche scrivere canzoni a cui nessuno risponderà, fa parte della vita. La vita è scrivere canzoni a nessuno. Che qualcuno risponda, o no, che cosa cambia?

Non smettere di fare la gavetta perché so che se ti affidi al cammino totalmente, onestamente, con tutta l’umanità di cui disponi, esiste la possibilità di farcela.

Ecco che “farcela” significa fare tutto il possibile per restare nella periferia marginale e desolata, con l’entusiasmo del primo giorno.

Con la stessa semplicità del primo giorno, custodendo tra le mani, il tuo traguardo brillante, la passione, il sogno che aspetta la tua gavetta.

Lookmaker & PH.  Barbara Parlamenti


  • 117
    Shares

Isabella Granno'

FAI SENTIRE LA TUA VOCE!

Cosa ne pensi di questo Articolo? Hai un tuo pensiero in merito? Condividi quanto è stato detto oppure la pensi diversamente?
Fai conoscere agli altri il tuo parere. Inserisci il tuo commento qui sotto!
Iscriviti al mio canale Youtube
Aspetta! Non Correre! C'è altro da leggere!

3 pensieri su “Esiste Ancora La Gavetta?

  1. La Gavetta (a parer mio) è una cavolata che hanno inventato per “sfruttarti”.

    Io lavorando in Svizzera come dipendente e vivendo a Como, prendo 6357fr (6000€) al mese e giro tranquillamente in Bmw x5, villa ecc.. senza aver aspettato anni prima di arrivare a guadagnare ;).

    Non ho una laurea, certo sicuramente la laurea fornisce una cultura, ma non necessariamente è sinonimo di “far soldi”.

    Non devo perder tempo ad aspettare ANNI prima di vedere (se mai accadrà) un briciolo di notorietà.

    Ti ricordo che IL PRODOTTO finale NON è poi cosi importante.

    Anche perché se fosse vero, McDonald sarebbe già fallita. Conta chi sa fare marketing. Stop. Tutto il resto son cavolate per illudere i gonzi.

    Ripeto sempre secondo il mio parere.

    1. Complimenti per la tua riuscita professionale così brillante. Non se ne sentono molte, in giro, di storie come la tua. Ma se mi posso permettere, tu vivi in una zona molto privilegiata. Non per tutti è così e pochi hanno le stesse opportunità che hai tu. Nel tuo caso potrei dire che lo studio sarebbe stato di certo un impedimento alla tua affermazione professionale. Purtroppo per la quasi totalità dei casi non tutto va per il verso giusto come è successo a te: é sempre una questione di opportunità. Tu ne hai molte e ci sono molti che ne hanno davvero poche. E quindi, la laurea e la gavetta sono un percorso quasi obbligato che investe quasi la maggior parte delle persone. Ovviamente nell’articolo, il mio riferimento è di carattere musicale e ti assicuro che se tu avessi fatto il cantante o il compositore, in molte zone del mondo, la tua gavetta sarebbe stata dello stesso tipo come per altri.

      1. Ciao Isabella 🙂 il punto NON se vivo in una zona molto privilegiata o meno. Perchè non tutti sanno fare i ragionamenti che faccio io.

        Mi perdonerai se ogni tanto uso “parolacce”, ma serve per rafforzare il concetto :D. Se parlo come mangio “il messaggio si capisce meglio” rispetto a chi utilizza parole “complicate” per farsi figo :D. Se ti dicessi:

        “rogito” fai fatica a capire cosa dico, se dico “passaggio delle chiavi” rende ancora meglio il concetto :D.

        Detto questo , io semplicemente mi sono TRASFERITO a Como, non è che ci sono NATO a como :). Purtroppo alle persone (non per colpa tua ci mancherebbe), gli viene fatto un lavaggio del cervello assurdo da:

        -> Scuola
        -> Amici
        -> Parenti
        -> Società

        Insomma da gente che nella vita non conta un cazzo. Attenzione! Non che non conta un cazzo dal punto di vista umano. Nel senso magari sono persone per bene, che hanno una famiglia, sono dei buoni amici, sono molto buoni dal punto di vista umano ecc..

        Ma per il mercato NON CONTANO un cazzo (brutto da dire ma è così).

        E sostanzialmente il 90% degli italiani sono cosi. Tu nella vita devi seguire (per quanto riguarda il lavoro/business) SOLO CHI OTTIENE RISULTATI MILIONARI. Tutto il resto sono chiacchiere. Io da quanto ti ho lasciato il commento, ho aperto 2 attività e opero in borsa.

        Perchè è vero che ho il bmw x5, ma è in Leasing (la Svizzera permette di scaricare i costi a differenza dell’italia) , e vivo in una villa (ma in affitto).

        E tu potresti pensare:

        “ahahahah che sfigato che vive in Affitto, cosi la casa non sarà mai sua, se avesse fatto un mutuo si”

        Anche se ti fai il mutuo la casa NON è comunque tua, MA DELLA BANCA che ti presta i soldi. Quindi ti sei comprata una DEBITO per tutta la vita. E gli italiani questa cosa non l’hanno capita, perchè nella loro ideologia IDIOTA e comunista:

        “Ehhh ma a casa, è l’investimend sul mattone”.

        Si comprano un’immobile che da 100000€, lo pagano 160000€ (interessi alle banche). Quindi nel lungo periodo ci hai smenato 60000€. Bell’affarista! Gli italiani sono PESSIMI nel fare affari!

        Poi fanno le “rate” per comprare il “macchinone”, o l’iPhone. Quindi cosa succede?

        “Limitano la possibilità di accedere al credito bancario”.

        I soldi della banca servono SOLAMENTE come leva per generare altri soldi (E non per indebitarsi togliendosi gli sfizi). Perchè gli sfizi NON ti portano soldi, la CASA (se fai il mutuo) NON ti porta soldi.

        Quello che devi fare è:

        “Vivi in affitto, ma utilizzi i soldi della banca come leva per comprare case prima dell’asta e rivenderle sotto il prezzo di mercato”. POOOOI quando ho del denaro da parte, posso dire:

        “cià mi compro casa, come se dovessi comprarmi una caramella”.

        Chi fa le rate di QUALSIASI cosa, vuol dire che non se lo può permettere. Le persone che HANNO DENARO, non possiedono “nulla”.

        Lo so che tu li vedi con macchinoni e ville ecc.. Ma sono tutti in Affitto/Noleggio ecc.. Perchè lo scopo è avere MOLTE entrate rispetto alle uscite.

        Questo è il segreto per vivere ;).

        Per quanto riguarda il cantante, siam sempre li. Devi capire se quello che fai interessa al mercato. Se no rientri nell’embolo del:

        “Lavorare con le tue passioni”.

        Ma non sempre quello che ti appassiona , è appagabile dal mercato. La storia della gavetta come dicevo io, è una troiata di dimensioni al cubo.

        Non è che devo guadagnare quando divento un vecchio di merda di 40/50 anni quando ormai la vita è finita, perchè non me ne fregherebbe nulla. Tu hai mai visto George Soros farsi la gavetta? Mark Zuckemberg farsi la gavetta? Bill Gates farsi la gavetta? Justin Bieber farsi la gavetta?

        NO! 🙂

        Se tu ti vai a vedere l’intervista che hanno fatto ad Alec Ross alla RAI, che è un imprenditore statunitense di 45/47 anni dice:

        “Che quando lui va alle commissioni/riunione politiche americane , lui li è uno dei più vecchi, in Italia è uno dei più giovani”

        Quindi capisci a me c’è qualcosa che non quadra?.

        “la laurea e la gavetta sono un percorso quasi obbligato che investe quasi la maggior parte delle persone”

        Non è vero! Ritornando a nomi di Prima:

        -> Mark Zuckeberg quando ha realizzato facebook aveva la laurea? NO!
        -> Briatore ha laurea? NO!
        -> Fedez ha laura? NO
        -> Steve Jobs ha la laurea? NO!

        La laurea NON è più una skills necessaria per fare soldi. Un tempo aveva un senso, ma parlo dell’era di fantozzi. Quando c’èra:

        “Quell’ingegnere”
        “Quell’avvocato”
        “Quel dentista”

        Ma sai perchè? Perchè c’erano SOLO loro, Ormai sono troppi. Sono diventate delle commodities (ossia dei beni indifferenziati). Ce ne sono TROPPI a fronte di una domanda.

        Quindi cosa succede? Diminuisce di VALORE.

        Tu prendi ad esempio il DIAMANTE. Come mai secondo te, chi lo trova e lo vende, viene strapagato?
        Perchè è DIFFICILISSIMO da trovare. Ma se ce ne fossero tanti, (secondo te avrebbero lo stesso valore)? NO!

        Stessa cosa con queste “professioni”. Cioè (solo in Lombardia) ci sono più avvocati li che in tutta la Francia, anche qui c’è qualcosa che non quadra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *