“Amazon

Quando il feto Canta E Balla Nel Grembo Di Sua Mamma!
5 (100%) 3 votes

Quando leggo certe notizie, mi emoziono sempre un pò! Soprattutto quando leggo che il feto canta e balla quando è ancora nella pancia della mamma.

Le ricerche nell’ambito musicale mi incuriosiscono, ma questa sul feto cantante e ballerino mi ha sorpreso e incuriosito.

Già a 16 settimane di gestazione, reagisce alla musica aprendo la bocca come se volesse cantare, e muovendo braccia e gambe.

Alla sedicesima settimana è possibile registrare movimenti del corpo e della bocca come reazione alla musica udita dal feto.

Durante il suo sviluppo, il feto può «cantare e ballare» nella pancia della mamma dopo aver ascoltato della musica.
Durante il suo sviluppo, il feto può «cantare e ballare» nella pancia della mamma dopo aver ascoltato della musica.

LA RICERCA

Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista Ultrasound condotto presso l’Istituto Marques’ a Barcellona utilizzando ecografi in tre e quattro dimensioni.

I feti sono stati stimolati con la musica in due modi.

E’ stato applicato un riproduttore di suoni sul grembo materno, oppure direttamente via transvaginale introdotto uno strumento chiamato Babypod.

Gli esperti hanno proposto ai feti delle melodie di Bach, ma anche musiche dei Queen.

Leggi Anche:  Quando ti definiscono un’ugola d’oro!

E’ emerso che rispetto a una condizione normale in cui il 45% dei feti muove braccia, gambe e bocca, dopo l’ascolto di musica mediante Babypod, ben l’87% di loro esegue questi movimenti e soprattutto le movenze con la bocca si fanno più accentuate.

Inoltre, in circa la metà di casi il feto tira fuori la lingua protendendola il più possibile e spalanca la bocca, come se stesse cantando, spiega la coordinatrice del lavoro Marisa Lopez-Teijon.

“Visita
Sono state coinvolte 106 donne dalla 14/a alla 39/a settimana di gravidanza.
Sono state coinvolte 106 donne dalla 14/a alla 39/a settimana di gravidanza.

L’ascolto di musica attraverso l’addome non stimola reazioni così evidenti nei feti, probabilmente perché il suono non arriva altrettanto bene alle orecchie del piccolo.

E’ possibile, spiega Lopez-Teijon, che attraverso Babypod lo stimolo sonoro sia tale da attivare i circuiti nervosi dell’udito in formazione.

GLI ESPERTI

Secondo gli esperti, questo studio potrebbe smentire l’idea che i feti reagiscano in modo particolare alla voce della mamma.

In effetti, hanno registrato una percentuale simile di reazioni a diversi stimoli vocali.

La voce della mamma è stata messa a confronto con quella di topolino. In questo caso, il feto ha avuto le stesse reazioni.

Conclusione

La ricerca non si ferma di fronte al tempo e sicuramente la dimensione fetale, mi stupirà ancora per quello che riguarda le scoperte curiose portate avanti.


Isabella Granno'

FAI SENTIRE LA TUA VOCE!

Cosa ne pensi di questo Articolo? Hai un tuo pensiero in merito? Condividi quanto è stato detto oppure la pensi diversamente?
Fai conoscere agli altri il tuo parere. Inserisci il tuo commento qui sotto!
Iscriviti al mio canale Youtube
Aspetta! Non Correre! C'è altro da leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *