Hai Mai Imparato A Conoscere Te Stesso?
5 (100%) 8 votes

E’ difficile restare indifferenti all’ascolto di un brano musicale senza che tocchi le corde più nascoste del proprio essere umano. Hai mai imparato a conoscere te stesso?

Molto dipende dalla sensibilità, e competenza di ciascuno di noi, tuttavia possiamo ampiamente condividere l’idea della dimensione assolutamente «umana» della musica, a tutti i livelli. Può avere anche una dimensione religiosa, liturgica (musica sacra).

Esiste, infatti, anche una dimensione teologica nella musica.

LA MUSICA CLASSICA

Inevitabilmente, invito sempre coloro che hanno l’intento di comporre una qualche melodia di qualsiasi genere, di ascoltare un grande compositore come Mozart.

Non un nome a caso, ma un compositore austriaco che è stato accostato a teologi del calibro di Karl Barth e Hans Urs Von Balthasar.

Le sue grandi opere sono immortali perché riescono a rappresentare, suscitare, esprimere le più disparate emozioni che risvegliano l’anima, catturano il cuore e lo conducono alla scoperta della sua infinita umanità.

In breve, questa musica è in grado di trasformarci.

Leggi Anche:  Quando Cantare E' Un Bluff! Gli Stonati Affascinano?

Conclusione

La bellezza prodotta da tale incontro è oggi di grande attualità.

Basta considerare la nostra epoca postmoderna dove talvolta l’uomo viene privato totalmente della sua umanità.

Cercare di migliora il mondo, a cominciare da noi stessi con l’intento di risvegliare l’uomo interiore.

Da sempre siamo alla ricerca della nostra infinitezza e trascendenza.

Ricerchiamo mondi lontani che esistono nel profondo di ciascuno di noi e tali da suscitare una vera e propria metamorfosi.

Isabella Granno'

Aspetta! Non Correre! C'è altro da leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *