“Amazon

Il Detto “Canta Che Ti Passa” E’ Ancora Attuale?
5 (100%) 9 votes

Mi è capitato, molto spesso, di girare per i numerosi festival della canzone italiana. Il detto “canta che ti passa” è ancora attuale?

Ore e ore di lagne interminabili di ogni genere, giri melodici infiniti e ripetitivi che annoierebbero persino eremiti che non ascoltano musica da vent’anni.

Niente e nessuno che cambi rotta, che si metta a ricercare nei suoni quella novità e freschezza di cui le nostre orecchie sature di litanie avrebbero bisogno.

E’ molto facile individuare dalle prime note suonate lo strumento sul quale é stato composto il brano.

Se partono le chitarre il compositore oltre allo strumento a corde non va, se parte il piano, sentiremo il trillare dei tasti fino alla fine della canzone.

Innovazione

Riuscire a svecchiare sonorità e schemi mentali d’arrangiamento non é affatto impossibile.

Bob Moog ha messo in vendita il suo primo sintetizzatore nel lontano 1964.

Sono 50 anni che molti compositori vanno avanti con la chitarrina. Non hanno minimamente pensato o cercato di rinnovare lo stereotipo della canzone neanche quando risulta palese il suo superamento.

Quanto meno sul fronte delle sonorità.

“Visita

Lo confermano sia le classifiche sia il fatto che più nessuno o quasi acquista o ascolta simili canzoni (con poche e rare eccezioni).

Leggi Anche:  Quando il feto Canta E Balla Nel Grembo Di Sua Mamma!

Le melodie devono seguire le sonorità e aggiornarsi così come i suoni. Non si può continuare a comporre pensando di fare la solita canzone stile Sanremo, oltre la quale non andare nemmeno per errore.

Concludendo

A mio avviso, lo sforzo del compositore, quindi, è nel proporre una certa innovazione sonora, ritmica e timbrica. In grado di favorire l’incontro con le aspettative di mercato.

Perché pensare di suonarsela e cantarsela da soli ha trovato ormai la sua fine.


Isabella Granno'

FAI SENTIRE LA TUA VOCE!

Cosa ne pensi di questo Articolo? Hai un tuo pensiero in merito? Condividi quanto è stato detto oppure la pensi diversamente?
Fai conoscere agli altri il tuo parere. Inserisci il tuo commento qui sotto!
Iscriviti al mio canale Youtube
Aspetta! Non Correre! C'è altro da leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *