• 99
    Shares
Senza tecnica non arrivi da nessuna parte
5 (100%) 11 votes

Perla Bianca, per la Gloria
Perla Bianca, per la Gloria

Cantare male, senza tecnica vocale o sforzare le corde vocali non rende solo brutta una canzone ma danneggia l’unico strumento a tua disposizione: la voce. Prova a vedere in illustrazioni cosa sia un’emorragia cordale. E’ sicuramente una visione molto brutta. Non parlo di estetica, ma oltre ad essere fastidiosa, è soprattutto pericolosa perché comporta un alto rischio di non poter più cantare in tutta la vita.

Il gusto è soggettivo, ma il saper cantare è altro. Quando si arriva ad urlare o strillare, non è canto. Se pensi lo sia, esiste un problema. E’ comprensibile che il pubblico se profano apprezzi anche un Vasco Rossi o altri intrattenitori che tuttavia non sono cantanti.

IMPARA LA TECNICA VOCALE

Imparare la tecnica, il controllo ed interpretazione è un guadagno sia dal punto di vista della salute vocale che della carriera. Di cantanti ce ne sono molti, ma di cantanti bravi: pochissimi.

Leggi Anche:  Quanto è difficile interpretare una cover? - Video

La voce deve essere economica, piacevole, efficace con la giusta tenuta temporale. Senza alterazioni qualitative e strutturali. Se tutto ciò non c’è ci possono essere favolose voci e vocalita’ ma non sane sulla carta.

E ogni voce non sana va o andrebbe sempre indagata e talvolta curata dove e’ doveroso farlo

In Italia, queste caratteristiche sono sconosciute a quasi tutti i cantanti. Eseguire balletti e coreografie o essere belli sono caratteristiche importanti, ma il cantante deve saper cantare live.

Conclusione

Occorre avere pazienza e determinazione e non certo per una settimana, un mese o un anno. L’allenamento va eseguito per sempre, perché senza la costanza non vai da nessuna parte.

La tecnica, l’interpretazione e il timbro sono componenti fondamentali nel canto. Averne anche solo una, fa la differenza. Si possono avere voci come Lea Salonga, in possesso di tutte le caratteristiche sopra citate e voci come Nek, in possesso solo di una di queste (il timbro). Oppure avere voci come Mia Martini, un timbro riconoscibile, ma una capacità interpretativa superiore di quella di Loredana, sua sorella

È per questo non possiamo condannare Battisti, De Andrè, Modugno… Così come allo stesso tempo non possiamo dire, onestamente, che fossero bravi a cantare quanto un Alex Baroni, un Caruso o un Claudio Villa.

Isabella Granno'

Aspetta! Non Correre! C'è altro da leggere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *